SALUTE & BENESSERE


Vivere senza sforzo

28.01.2018 06:36

di Vincenzo Bilotta

La Vita va vissuta e non combattuta. Gran parte delle persone vive in uno stato di “non accettazione” degli accadimenti quotidiani. Questa non accettazione, poiché la maggior parte delle volte è portata avanti nel tempo, porta ad uno spreco di energie.

Vivere senza sforzoInfatti, quando si vive nella non accettazione della Vita così com’è, inevitabilmente si sprecano energie in quanto si è in una condizione di sforzo continuo. Tutti abbiamo potenzialità infinite. Se potessimo paragonarci ad un’automobile, di sicuro saremmo una Ferrari o una Lamborghini, se preferite. Fin qui tutto ok. Il problema è che non riusciamo a sfruttare le potenzialità del bolide che è in noi, semplicemente perché camminiamo col freno a mano tirato!

Per quanto veloce possa essere un’autovettura, col freno a mano tirato non si va da nessuna parte e si rischia, oltretutto, di far danni e bruciare sia freni che motore. Eppure, la maggior parte della gente vive così. Si tende a vivere di aspettative, a lamentarsi se le cose non vanno bene, ad opporre resistenza nei confronti di ciò che non volevamo accadesse nella nostra Vita. E come conseguenza avremo stress, disturbi psicofisici, inconsapevolezza, disagi di diverso tipo. Tutto a causa di una non accettazione di un evento/persona.

Libri e varie...
IL POTERE STRAORDINARIO DELL'ACCETTAZIONE TOTALE  - LIBRO
Elimina paure, insicurezze e sensi di colpa
di Tara Brach

Scopri come ritrovare la serenità! 
Molte persone si costruiscono la propria prigione fatta di insoddisfazione, di ferite auto-inflitte, di paure immotivate? tutti fardelli che bloccano il loro sé tenendole in trance.
Il metodo dell'Accettazione Totale spiegato in questo libro ci libera da una trance frenetica di "email, troppi impegni, corse, raggiungere, consumare e acquistare", insegnandoci a coltivare una presa di coscienza consapevole e compassionevole verso noi stessi. In questo modo cominciamo ad accettare chi siamo nel presente e le nostre vite per quello che sono.
 Il metodo dell'accettazione totale non prevede che si accettino le cose così come sono o che ci si rassegni agli eventi. Si tratta piuttosto di cercare di ricavare il buono da ogni situazione attraverso la meditazione, prendendoci una pausa dai ritmi frenetici della vita.
Nel libro si trovano suggerimenti su come affrontare le diverse emozioni negative e tutti gli ostacoli che ci impediscono di essere sereni attraverso pratiche che attingono dalla tradizione buddista. 
Frequenti i rimandi alle tecniche suggerite da Thich Nhat Hanh e ai suoi insegnamenti, come per esempio quello di affrontare la paura, imparando a convivere con essa e imparare da essa per trarne beneficio. ...
AMORE: IL POTERE DELL'ACCETTAZIONE
di Lise Bourbeau

Quotidianamente viviamo in situazioni conflittuali che producono insoddisfazione e, alla lunga, problemi di salute. Lise Bourbeau ci racconta, qui, un caso emblematico, in cui non sarà difficile riconoscersi almeno in parte: entriamo nel suo studio insieme ai componenti di una famiglia che ha i problemi di molte altre, governata da schemi relazionali nei quali serpeggia qualche malinteso, qualche timore, e una quantità di condizionamenti provenienti dal passato di ciascuno. 
L’arma terapeutica di Lise è potentissima, e la vediamo in azione in modo così chiaro che in seguito ogni lettore potrà servirsene: si tratta della dinamica dell’ACCETTAZIONE, ben diversa dalla supina sottomissione, dalla rassegnazione o dall’abdicare alle proprie risorse e responsabilità. 
È in realtà un metodo per “leggere” diversamente gli eventi difficili della nostra vita, quali la malattia, la morte (nostra e altrui), la vecchiaia, la perdita, le scelte dei nostri cari, il nostro aspetto fisico, i nostri punti deboli… scoprendo quanto numerose ed impensabili siano le sfaccettature dell’Amore.
È una chiave potente e universale per risolvere le difficoltà della vita. Lise Bourbeau è autrice di numerosi bestsellers, fra cui Ascolta il tuo corpo e Le 5 ferite, entrambi editi in Italia da Amrita. È l’anima della più famosa scuola di crescita personale del Canada francofono, che da alcuni anni tiene, anche in Italia, conferenze e seminari....
PENSIERI PER VIVERE  - LIBRO
Itinerario di Evoluzione Interiore
di Pippo Franco

Noto al vasto pubblico per la sua famosa e lunga carriera di attore, Pippo Franco propone il frutto dei propri studi e interessi in campo spirituale ed esoterico che ormai da moltissimi anni coltiva."L'itinerario di evoluzione interiore è dedicato a chi avverte il disagio di vivere, lieve o grave, a chi vuole stabilire un contatto con la parte più profonda di se stesso, a chi si identifica con l'aiuto che può dare a coloro i quali soffrono i mali dell'animo.
Chi vive in una condizione di sofferenza interiore si trova in prigione e, se ha buon senso, non può che desiderare di evadere. Ma un uomo solo non può niente senza l'aiuto di coloro che sono già fuggiti. Soltanto essi possono sapere come l'evasione è possibile e dare ai prigionieri tutto l'aiuto necessario. Ma per essere liberi occorre, prima di tutto, rendersi conto di trovarsi in prigione".
Un libro da portare sempre con noi o da tenere sul comodino, che ci invita a percepire la nostra esistenza con occhi diversi, con spirito costruttivo, e a riordinare le esperienze liete o tristi che ci accadono come tasselli di un magnifico mosaico, tappe di un preciso percorso evolutivo....
L'INCANTATORE DI PENSIERI  - LIBRO
Il Giovane Monaco che sta conquistando il Giappone - Il "Nuovo" Buddismo ai tempi di Internet
di Ryunosuke Koike

I pensieri inutili hanno l'abilità di insinuarsi nella nostra mente come vere e proprie serpi fastidiose. Un metodo di pensiero consapevole riduce la spirale di domande, dubbi, mezze risposte e ci permette di guarire dal "vizio di pensare".
Ryunosuke Koike è un giovane monaco buddhista e un vero e proprio "incantatore di pensieri". Il suo metodo rende la mente più leggera, libera dalle informazioni superflue, capace di utilizzare i cinque sensi in modo davvero cosciente e di dominare emozioni e passioni.
Il nuovo buddhismo di Koike è un vero e proprio "modo per allenare la mente" fondato sulla capacità di autodisciplina tipica della cultura orientale.
Cambia mentalità in modo leggero,
efficace e stimolante, elimina i pensieri di troppo,
aumenta la tua energia e creatività!




Anteprima - L'Incantatore di Pensieri - Libro di Ryunosuke Koike
L'esercizio per regolamentare la mente e per "pensare in modo retto"
Fino a questo punto ho illustrato come, a forza di "pensare", le persone diventano ignoranti. Ovviamente ciò non significa che "non si debba pensare".
Nella pratica buddista esiste il cosiddetto "Ottuplice Sentiero". Si tratta delle otto strade seguite dagli uomini per mettere in pratica uno stile di vita retto.
Per raggiungerlo, le fasi da seguire sono le seguenti:
- 
Prima fase: autoimporsi delle regole ed edificare un cuore che non vacilla.
Shoshiyui (Retta Intenzione: regolamentare il contenuto del proprio pensiero). 
Shogo (Retta Parola: regolamentare le proprie parole).
Shogo (Retta Azione: regolamentare le proprie azioni).
Shomyo (Retta Sussistenza: regolamentare il proprio modo di vivere).

 Continua a leggere - Anteprima - L'Incantatore di Pensieri - Libro di Ryunosuke Koike

Indice
Prefazione
Capitolo 1 - Una malattia che si chiama "pensiero"
- L'isolamento cerebrale fa diminuire la capacità di concentrazione
- I tre grandi stati d'animo dell'uomo: "Collera", "Avidità" e "Stupidità"
- L'esercizio per regolamentare la mente e per "pensare in modo retto"
- Costante check preventivo anticrimine della mente attraverso i sensori della consapevolezza
- Soddisfare la mente attraverso un uso consapevole dei sensi.

Capitolo 2 - I modi per controllare il corpo e la mente
2.1 Parlare 
- Fare proprie le basi di un modo corretto di parlare a partire dall'osservazione del proprio tono di voce
- Lo stato d'animo della "Presunzione" fa rispondere in modo avventato
- Training per abbandonare i pensieri negativi
- Insieme alle scuse proporre rimedi concreti
- Giustificarsi per il proprio tornaconto non fa che danneggiare gli altri
- Giustificarsi in buona fede cura le ferite altrui
- L'illusione cerebrale, vantaggi e svantaggi nel lungo e nel breve termine
- Parlare male degli altri ha l'effetto d'inquinare la mente
- Accumulare bugie fa diventare stupidi!?
- Non forzare gli altri a parlare di cose inutili
- Nel Giappone attuale dire grazie è una malattia diffusa che ha un cattivo effetto sulla mente
- Anche nel ringraziare occorrono variazioni di ritmo e repertorio
- 
Rubrica 1 - Respirare

2.2 Ascoltare
- Per non subire il "lavaggio del cervello" da parte dei suoni, occorre essere consapevoli
- "L'esercizio per ascoltare la fugacità delle cose" affina la consapevolezza
- Se si presta orecchio al mondo, questo può cambiare
- A fondamento della comunicazione c'è l'individuazione dei suoni che veicolano la sofferenza dell'interlocutore
- Quando si è rimproverati dall'interlocutore, far nascere un senso di sollievo per individuare le sue sofferenze
- L'esercizio per fermare le informazioni al loro ingresso prima che la mente possa manipolarle
- 
Rubrica 2 - Odorare


2.3 Vedere
- Una vista caratterizzata da forti stimoli sviluppa più facilmente gli stati d'animo
- Il fraintendimento che nasce dal pensare che nonostante si stia soffrendo l'altra persona sia indifferente
- Non riportare all'ego nei particolari i risultati dell'osservazione
- Provare a concentrarsi imitando la tecnica del Buddha dagli occhi semichiusi
- Essere sempre consapevoli della propria espressione
- 
Rubrica 3 - Ridere

2.4 Scrivere/Leggere
- Il desiderio di approvazione genera denaro
- Più li si cerca più gli stati d'animo proliferano
- L'anonimato delle bacheche on line amplifica la "Spudoratezza"
- Anche nello scambio di e-mail non stuzzicare l'ego vicendevolmente
- Provare a cogliere i propri stati d'animo attraverso l'atto di scrivere
- 
Rubrica 4 - Pianificare

2.5 Mangiare
- Più si pensa che qualcosa non si debba fare, più il cervello inspiegabilmente ci spinge a farla
- Conoscere la quantità appropriata di cibo attraverso l'esercizio del "sapere quando basta"
- Lezione per mangiare senza pensare Prima parte: porre la propria consapevolezza in modo perspicace
- su ogni singolo gesto
- Lezione per mangiare senza pensare Seconda parte: prestare attenzione ai movimenti della lingua
- 
Rubrica 5 - Cucinare

2.6 Buttare
- L'idea di aver paura di perdere qualcosa affatica la mente
- Non disfarsi delle cose alimenta il territorio dell' "Ignoranza"
- Per disaffezionarsi agli oggetti esercitarsi a "buttare"
- Liberarsi del denaro che ipertrofizza l'ego
- 
Rubrica 6 - Comprare
- 
Rubrica 7 - Aspettare

2.7 Toccare
- Quando non ci si riesce a concentrare, provare a prestare attenzione alle sensazioni tattili
- Provare a non agire d'impilso nella situazione "siccome prude mi gratto"
- 
Rubrica 8 - Riposare/Divertirsi/Fuggire

2.8 Educare
- Evitare di lanciare come attacchi i propri consigli
- Non lasciarsi manovrare dalla brama di imporre le proprie opinioni sugli altri
- Contenere entro i limiti commiserazione e preoccupazione
- Educare una sobria Gentilezza Amorevole invece di forti passioni
- Se non si rispettano le regole, la mente richiama le energie negative
- Crescere i bambini essendo aperti nei loro confronti e senza renderli marionette
- nelle mani dei grandi
- Anche tra uomo e donna l'amore cresce a opera della "persuasione"
- Coloro che "si arrendono" hanno la verità in pugno
- 
Rubrica 9 - Dormire...
PENSIERI POSITIVI  - LIBRO
Come prendere la vita con leggerezza - 365 elisir per l'anima

Pensare positivo aiuta a vivere la vita in modo migliore e più efficace.
Avendo il giusto spirito, si possono affrontare con il sorriso anche le situazioni più disperate, come partecipare all'assemblea condominiale o fare la coda alle poste.
Pensate di non potercela fare? Allora leggete e testate questi 365 elisir per l'anima: vi aiuteranno a vedere la vita in rosa... o quantomeno ad allontanare il nero e il grigio!...
L'ARTE DELLA CONSAPEVOLEZZA  - LIBRO
Al dì là di scienza e religione alla scoperta del nostro vero io
di Vincenzo Bilotta

L'arte della consapevolezza parla di temi fondamentali per la crescita personale: le parole come vibrazione, il pensiero creatore di realtà, il peso delle credenze limitanti, la zavorra creata dalle paure, il presente come unico tempo esistente.
Leggendolo si comprende come il cambio delle prospettive si delinea attraverso la capacità di saper perdonare, il potere dell'ascolto, l'entusiasmo che ognuno dovrebbe manifestare nella propria vita portando fuori la propria parte divina. Gli argomenti trattati spaziano dalla fisica quantistica al collegamento tra il DNA e le emozioni, passando attraverso l'applicazione pratica della Legge dello Specchio e di quella dell'Attrazione.
Un libro denso di temi importanti per l'evoluzione umana sul pianeta, studiati e resi accessibili per tutti da un giovane autore.
Un testo che farà molto discutere....

Vale la pena vivere sotto sforzo continuo, lamentandosi di tutto e resistendo a ciò che è? No! Non ne vale la pena, anche perché ciò, a lungo andare, ci costerà molto in termini di energia e benessere in generale. La Vita è fatta per essere vissuta senza sforzo. Il fatto di resistere ad essa, è dovuto ai sistemi educativi sbagliati che ci hanno insegnato a lottare per sopravvivere, vedi Darwin… Se riuscissimo a capire che noi siamo i creatori della nostra realtà e che ogni esperienza arriva per insegnarci qualcosa, capiremmo, di conseguenza, che la Vita va vissuta e non combattuta.

Dopotutto, è anche vero che la vita è ciò che di lei pensiamo. Il pensiero crea. Ricordatevi che non soffrite a causa degli eventi. La sofferenza parte da un modo di pensare dissonante rispetto all’evento vissuto. Solo se si è in risonanza con la Vita, si fluisce con essa. Quando si lotta per andare avanti c’è qualcosa che non va.

Noi siamo nati per vivere senza sforzo e fluire con la Vita. Non siamo stati progettati per resistere agli eventi o rifiutarli in tutto o in parte. La non accettazione della realtà porta, alla lunga, alla sofferenza psicofisica. Il nostro modo di pensare è causa delle nostre sofferenze. La colpa non è della vita. Siamo noi che resistiamo agli eventi invece di accoglierli così come arrivano a noi.

Ovviamente, accogliere un evento non significa subirlo passivamente. Semmai, accettando una situazione/persona, limitiamo il dispendio di energie che si verificherebbe qualora, invece, decidessimo di lottarci contro. Solo accettando ciò che è, possiamo sperare di cambiare una situazione, trasformandola magari a nostro vantaggio.

Alcuni eventi non si possono cambiare, altri, invece, sì. In ogni caso, occorre accoglierli senza resistervi. Da quel momento in poi, si verificherà una trasformazione nella nostra Vita. Quando accettiamo una situazione/persona senza opporvi più resistenza, infatti, subiamo una trasformazione interiore in quanto, dal momento in cui accettiamo un determinato accadimento, cambiamo noi nei confronti della Vita.

Quando cambiamo noi, inevitabilmente cambia anche il mondo esteriore. Dopotutto il mondo siamo noi. Potremmo dire che noi siamo i proiettori del mondo. Dipende da quello che pensiamo e siamo. Il nostro pensare ed agire determinerà ciò che andremo a vivere e sperimentare.

Capire questo fa la differenza, a patto che si sia pronti a smetterla di dare sempre e comunque la colpa agli altri e si cominci ad assumere un atteggiamento responsabile nei confronti della nostra Vita. Siamo noi, attraverso i nostri pensieri reiterati nel tempo a creare gli eventi della nostra vita. Nessuno oltre a noi, può cambiare la nostra vita. Ognuno è artefice della propria realtà e dell’esperienza che sta vivendo.

Impariamo a vivere senza sforzo, uscendo dagli schemi educativi di sopravvivenza che ci sono stati imposti durante la crescita. La Vita è gioia nell’esperienza quotidiana, avventurarsi nell’ignoto, nuotando controcorrente e pensando in maniera diversa dalla gente comune.

Solo mettendo in discussione millenni di “sapere” cristallizzato possiamo cambiare il mondo, coi suoi schemi di pensiero limitati e limitanti. Ciò che dico va applicato. Solo così potrà produrre cambiamenti e risultati. Leggere e pensare non basta. Certo è un primo passo. Ma se volete realizzare dei cambiamenti concreti, occorreranno volontà e applicazione.

La conoscenza senza applicazione è filosofia, l’esperienza senza conoscenza è ignoranza, la conoscenza unita all’esperienza diventa saggezza.

Articolo di Vincenzo Bilotta, autore de “L’arte della Consapevolezza – Al dì là di scienza e religione alla scoperta del nostro vero io

Sito web dell’autore: https://vincenzobilotta.blogspot.it

Fonte: https://vincenzobilotta.blogspot.it/2014/03/vivere-senza-sforzo.html

 

—————

Indietro